sabato 24 dicembre 2016

Ufo Robot Goldrake e la street art araba: Intervista agli ASHEKMAN



Intervista agli ASHEKMAN, autori - insieme al gruppo di volontari kuwaitiani chiamato Jedareyat - di questo gigantesco e magnifico murale di Goldrake ("Grendizer" il suo nome originale giapponese, col quale è noto anche nei paesi arabi), comparso a Kuwait City durante la manifestazione Urban Culture Week ("settimana della cultura urbana"), svoltasi in Kuwait a ottobre 2016, come raccontato in questo articolo del blog.

UFO Robot Grendizer and Arabic Street Art: Interview with ASHEKMAN



Interview with ASHEKMAN, author - together with the volunteer group Jedareyat - of this amazing giant "Grendizer Mural" appeared in Kuwait City during Urban Culture Week Kuwait in October 2016.

sabato 5 novembre 2016

Akira Kurosawa e il terremoto di Tokyo del 1923



Tra le persone coivolte nel grande terremoto di Tokyo (noto anche come "grande terremoto del Kanto", dal nome della pianura e della regione in cui sorge la capitale nipponica), avvenuto il primo settembre del 1923, vi era anche il celebre regista Akira Kurosawa (1910-1998), che rimase molto segnato da quell'esperienza, al punto da dedicarle varie pagine nel suo libro autobiografico L'ultimo samurai - Quasi un'autobiografia, edito da Baldini & Castoldi nel 1995.

giovedì 6 ottobre 2016

A 41 anni dal suo esordio giapponese, Ufo Robot Goldrake sorprende apparendo in Kuwait



Il 5 ottobre 1975, in Giappone, fecero il loro esordio televisivo (su due reti diverse) le serie animate Jeeg Robot d'Acciaio (aka "Jeeg Robot Uomo d'Acciaio"; in originale "Kotetsu Jeeg") e Ufo Robot Goldrake (aka "Atlas Ufo Robot", o "Goldrake"; in originale "Ufo Robot Grendizer"). 41 anni dopo quella data, l'Ufo Robot ha sorpreso i suoi appassionati sparsi in tutto il mondo (l'anime è molto amato anche nei paesi di lingua francofona col nome "Goldorak" e nei paesi arabi), divenendo oggetto di una gigantesca opera di street-art in Kuwait.

giovedì 29 settembre 2016

Costellazione Manga - Fumetto e animazione giapponese per divulgare l'astronomia



In occasione dell'edizione 2016 della "Settimana della Scienza", si pubblica sul blog l'articolo di Daria Dall'Olio legato al progetto divulgativo "Costellazione Manga", iniziato nel 2011 presso il Planetario di Ravenna, in collaborazione con ASCIG (Associazione per gli Scambi Culturali tra Italia e Giappone) e con l'autore del blog. Si tratta di un'iniziativa di divulgazione astronomica che prende spunto da alcune celebri opere animate e fumettistiche giapponesi, come Ufo Robot Goldrake, Galaxy Express 999Ken il guerriero e I Cavalieri dello Zodiaco.

domenica 10 luglio 2016

Goldrake e il terrorismo giapponese: l'episodio 59





Tra i vari spunti di interesse offerti dalla serie tv giapponese
Ufo Robot Grendizer (1975-1977, da noi nota come "Atlas Ufo Robot", "Ufo Robot Goldrake", o più semplicemente "Goldrake") finora non del tutto approfonditi in Italia, c'è il caso di una delle sue puntate più apprezzate in madrepatria, la n. 59, incentrata sul tema del terrorismo e rimasta inedita nella prima edizione italiana della serie curata dalla Rai alla fine degli anni '70. Si tratta, inoltre, di un modo per trattare e approfondire la storia del terrorismo giapponese, a molti sconosciuta nel nostro paese, e per smentire alcune delle più immotivate accuse che vennero rivolte alla serie animata in Italia.

domenica 19 giugno 2016

Twin Peaks - Julee Cruise, la misteriosa cantante di David Lynch e Angelo Badalamenti



Tra i numerosi elementi che hanno contribuito a mantenere vivo il culto di Twin Peaks nel corso del tempo, vi è senza dubbio l'indimenticabile colonna sonora della serie tv, a cui ha fornito un essenziale contributo l'intensità interpretativa di Julee Cruise (classe 1956), la misteriosa cantante bionda che appare in due celebri puntate della serie (l'episodio pilota e quello in cui si rivela l'assassino di Laura Palmer) e nel film Fuoco cammina con me (1992).

domenica 29 maggio 2016

History of Robot Anime (2013) - Il dossier governativo nipponico sull'animazione robotica



Come descritto in questo articolo inglese del quotidiano nipponico Japan Times, nel 2013 il Governo giapponese attraverso la Japan's Agency for Cultural Affairs e la Mori Building ha pubblicato un approfondito dossier di 90 pagine, intitolato "Japanese Animation Guide: The History of Robot Anime", sulle opere animate dedicate ai robot (in particolare quelli "giganti"), in quanto ritenute un simbolo del fascino culturale che il paese del Sol Levante esercita sulle popolazioni di altri paesi, un importante elemento del proprio settore economico (solo per quello che riguarda il merchandising della saga di Gundam, nel 2014, si è stimato un giro d'affari di decine di milioni di dollari), e un filone fantascientifico caratteristico della cultura giapponese.

domenica 24 aprile 2016

Go Nagai: Devilman, Shutendoji e il folklore giapponese



All'interno della vasta produzione fumettistica di Go Nagai (pseudonimo di Kiyoshi Nagai), sono ancora numerose le opere e i relativi aspetti poco o per nulla approfonditi nel nostro paese. Si coglie dunque l'occasione per focalizzare l'attenzione sulle opere horror e fantasy dell'autore nipponico, principalmente ricordato in Italia per le serie animate - in particolare robotiche - prodotte dalla Toei Animation negli anni '70. Tuttavia, come si avrà modo di vedere in questo articolo, anche tra quelle serie animate ci sono opere basate su personaggi di Nagai ancora semi-sconosciute e sottovalutate, come Dororon Enma-Kun (1973-1974, inedita), prodotta in 25 puntate e incentrata sugli Yokai, creature appartenenti al folklore nipponico, a lungo studiato e approfondito da Nagai.

mercoledì 30 marzo 2016

11 settembre 2001 - Il documentario dei fratelli Naudet



Come auspicato dal film 2001 – Odissea nello spazio (1968) di Stanley Kubrick, il 2001 sarebbe dovuto essere un anno segnato dal progresso, dalla fiducia nella scienza e nella tecnologia umana, e dall’espansionismo nello spazio, alla scoperta di nuovi mondi. Tuttavia, nel vero 2001, dopo gli eventi del G8 di Genova, a settembre è avvenuto un qualcosa fino ad allora ritenuto improbabile anche per un film catastrofico, che ha coinvolto le Torri Gemelle (edifici principali del WTC: World Trade Center) di New York e il Pentagono. Per rivivere quegli eventi o per averne una testimonianza diretta, è importante rivolgere l'attenzione al documentario 11/9 (titolo internazionale "9/11", distribuito in dvd dalla Paramount con una durata di 128 minuti, e trasmesso in tv in varie edizioni a partire dal 2002) diretto dai fratelli francesi Jules e Gédéon Naudet, dal pompiere newyorkese James Hanlon (poi divenuto attore e regista) e da Rob Klug, responsabile della post-produzione.

lunedì 14 marzo 2016

Fumetto e nostalgia - Il rapporto tra Cesare Zavattini e Sergio Trinchero



Oltre al già trattato caso del dizionario A Z comics (1969), sono molte altre le occasioni in cui Cesare Zavattini e Sergio Trinchero - ricordato per il suo sodalizio in Rai con Nicoletta Artom, che comportò la messa in onda della serie Atlas Ufo Robot - Goldrake - lavorarono a un progetto comune. Raccontare l'origine e la prosecuzione della loro amicizia, rappresenta un'importante opportunità di trattare argomenti come la produzione fumettistica italiana (inclusa quella satirica) del periodo del fascismo e della seconda guerra mondiale, di riflettere su ciò che si può celare dietro l'atteggiamento "nostalgico" di un individuo, e di ricordare l'ultima iniziativa fumettistica di Trinchero, i cui risultati apparvero purtroppo solo dopo la sua morte.

venerdì 4 marzo 2016

A Z comics (1969) - Cesare Zavattini e il primo dizionario italiano del fumetto internazionale




Dopo aver trattato, in questo articolo del blog, l'introduzione del regista francese René Clair al prestigioso volume fumettistico I Primi Eroi (edito da Garzanti nel 1962 e 1965), si propone il caso della prefazione firmata da Cesare Zavattini (1902-1989, figura cardine del cinema neorealista italiano) per A Z comics, il primo dizionario italiano del fumetto internazionale, stampato nell'ottobre del 1969 a Roma dalla casa editrice EK, con il patrocinio dell'Istituto di Pedagogia dell'Università di Roma.

sabato 27 febbraio 2016

Nicoletta Artom: nuove notizie biografiche



A complemento di quanto già scritto finora sull'attività professionale di Nicoletta Artom nella Rai degli anni '70 (cfr. questo articolo del blog) e sulle circostanze della sua "scoperta" della serie animata Atlas Ufo Robot - Goldrake raccontate da Sergio Trinchero (raccontate in quest'altro articolo), si riportano alcune sue informazioni biografiche finora completamente sconosciute, reperite grazie al libro Gli Artom - Storia di una famiglia della Comunità ebraica di Asti attraverso le sue generazioni (XVI-XX secolo), di Elena Rossi Artom (Silvio Zamorani Editore, Torino, 1997).

domenica 7 febbraio 2016

Akira - Il film di Katsuhiro Otomo e la critica cinematografica italiana



Prosegue l'approfondimento sul film Akira (1988) di Katsuhiro Otomo, con un breve resoconto dei commenti della critica cinematografica riscossi dall'arrivo del lungometraggio nel nostro paese, durante gli anni '90.

lunedì 11 gennaio 2016

Fuori Orario - Quando Enrico Ghezzi presentò "Akira" di Katsuhiro Otomo



Tra la fine del 1995 e l'inizio del 1996, in occasione dei 100 anni dalla nascita del cinema, il programma Fuori Orario - Cose (mai) viste di Raitre curò un'importante e indimenticabile iniziativa ("Cent'anni di un'invenzione senza futuro") che coinvolse i palinsesti notturni di tutte e tre le reti Rai. In ricordo di quell'evento e in omaggio a una trasmissione notturna - all'interno della quale largo spazio ha avuto il cinema giapponese d'autore -, che da decenni rappresenta un essenziale punto di riferimento per i cinefili italiani, si riporta una delle presentazioni di Enrico Ghezzi del film d'animazione Akira (1988) di Katsuhiro Otomo.